“La grande illusione” di Jean Renoir

La grande illusione Loc

(Francia, 1937)

Il 28 luglio del 1914 è considerata la data ufficiale dell’inizio della Prima Guerra Mondiale, e per ricordarla non c’è miglior opera che il capolavoro del maestro Jean Renoir, interpretato da un bravissimo Jean Gabin e da un raffinato e decadente prussiano Erich von Stroheim. Nonostante i suoi 80 anni, questa pellicola ancora ci commuove raccontandoci cosa fu quel conflitto – che allora ancora sichiamava la Grande Guerra – e come cambiò nel profondo la società militare e civile. Ma soprattutto ci ricorda l’animo gretto e stupido dell’uomo che non sembra poter vivere senza combattere, e la pace quindi rimane solo una grande illusione. La portata di questo capolavoro, fra le altre cose, ce la sottolinea la critica esaltante che ne fece “Libro e Moschetto”, il giornale ufficiale del GUF (Gruppo Ufficiale Fascista) alla sua presentazione alla Mostra del Cinema di Venezia del 1937, nonostante il nostro Paese guardasse superbo le nubi dell’imminente nuovo conflitto.