“La nave di Teseo” di Doug Dorst e J. J.Abrams

La nave di Teseo Cop

(2014, Rizzoli Lizard)

In questo periodo J.J. Abrams è sulla bocca di tutti per la prossima uscita del settimo e attesissimo episodio della saga della saghe di Guerre Stellari “Il risveglio della Forza” da lui diretto. Ma il poliedrico e geniale autore di “Lost” è anche il coautore di questo romanzo-nel romanzo-nel romanzo che di fatto spacca il modo tradizionale di leggere e scrivere. “La nave di Teseo” del titolo è un romanzo del 1949, ultima opera del misterioso scrittore V.M. Straka la cui identità è avvolta in una fitta nebbia. Ma oltre alla storia stampata c’è ne è un’altra, scritta sullo spazio non stampato delle pagine da due ragazzi che consultando il libro si scambiano idee e tesi sulla vera storia dello scrittore e sulle “cose” nascoste nel romanzo e nelle sue note. Inoltre, ed è questa forse l’idea più geniale e innovativa, fra le pagine spuntano ogni tanto vecchie cartoline, vecchie foto, mappe disegnate su tovagliolini o articoli di giornali studenteschi che possiedono – spesso ben nascosti – elementi fondamentali per ricostruire le varie storie.

Tanto geniale quanto affascinante. Alla faccia di chi frigna lagnandosi del fatto che la narrativa, con le innovazioni tecnologiche (che a detta degli autori hanno permesso la realizzazione del volume, impensabile fino a poco tempo fa) stia morendo …poracci!

La letteratura (sia quella cartacea che quella digitale) è viva e combatte con noi!