“Toto Le Héros – Un eroe di fine millennio” di Jaco van Dormael

(Belgio/Francia/Germania, 1991)

Come cantavano Dalla e De Gregori in Cosa sarà: “…che fa morire a vent’anni anche se vivi fino a cento”, ma soprattutto cosa porta a sprecare la propria esistenza?

L’opera prima del regista belga Jaco van Dormael, autore fra i più visionari degli ultimi decenni, ce lo racconta attraverso la storia del suo protagonista Thomas detto Toto, da sempre convito di essere stato scambiato nella culla poche ore dopo essere nato.

Questa accompegnerà Toto per sempre condizionando la sua vita e quella di chi gli è accanto. E alla fine…

Con una linea narrativa destrutturata in flashback concatenati “Toto le Heros” è un gran bel film che ci porta a rfilettere su come e con chi decidere di condividere la nostra esistenza. Davvero uno splendido film.

Per concludere, non voglio parlare del titolo in italiano con l’inspiegabile aggiunta “Un eroe di fine millennio” che non c’entra una notissima mazza, ma desidero parlare invece del fatto che al momento il film è introvabile. Distribuito dalla Rai, oggi è fuori catalogo e se cercate nell’usato c’è qualche simpaticone che vende il vecchio dvd a oltre 140 euro. Se volete vederlo non vi rimane altro che studiare attentamente i canali Rai sperando in una sua replca, magari all’alba.

Vincitore, fra gli altri numerosi premi, della Caméra d’Or al Festrival di Cannes come miglior opera prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.