“Vedovo, aitante, bisognoso d’affetto, offresi… anche babysitter” di Jack Lemmon

Vedovo aitante Cop

(USA, 1971)

Si, il regista è proprio lui, Jack Lemmon, il grande interprete delle più importanti commedie hollywoodiane della seconda parte del Novecento. Questa deliziosa – e sottolineo deliziosa – commedia è l’unica pellicola, purtroppo, firmata dal grande attore. E non poteva che essere interpretata dal suo grande amico e partner di lavoro Walter Matthau che, invecchiato appositamente per il film, impersona Joseph P. Kotcher un anziano vedovo che vive con il figlio e la nuora, e si occupa più che efficientemente del nipotino Duncan. Ma sua nuora lo trova invadente e obsoleto, e soprattutto non si fida di lui. Gli toglie così la cura del figlio, affidandola alla giovane adolescente Erica. Poco dopo impone al marito di chiudere il suocero in una casa di riposo. Ma “Kotch” proprio non ci sta, e per non mettere in crisi il matrimonio del figlio decide di allontanarsi. Intanto la giovane Erica rimane incinta e viene allontana dalla città. L’anziano, venuto a conoscenza della notizia, la rintraccia e sarà lui l’unico sostegno, materiale e morale, alla grande prova che dovrà affrontare la giovane. Davvero un affresco dolce e delicato sulla terza età e sul ruolo di questa nella società, che già allora tendeva a emarginare.

E adesso tu ti chiederai: “ma che cavolo c’entra il titolo in italiano?”

E infatti non c’entra una mitica mazza!

E’ evidente che dietro a queste fantasmagoriche traduzioni ci deve essere qualcosa, tipo un premio occulto in denaro per il titolo più fuorviante e demente in italiano!

Tanto per la cronaca il titolo originale era “Kotch”.  

Non vorrei essere polemico, ma vogliamo parlare pure della locandina italiana? …degna del fatidico “La nipotina” de “Il comune senso del pudore” di Alberto Sordi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.