“Il palloncino rosso” di Albert Lamorisse

(Francia, 1956)

Albert Lamorisse (1922-1970) è stata una delle figure più poliedriche della cultura del secondo Novecento francese. Scrittore, produttore e regista cinematografico, Lamorisse già durante l’adolescenza inizia a lasciare il segno nella cultura contemporanea.

Sui banchi di scuola, infatti, inventa un gioco da tavolo che chiama “La Conquête du Mondo” e che poi brevetterà nel 1954 diventando famoso in tutto il globo come “Risiko!”. Ma i suoi interessi spaziano nelle arti visive, soprattutto nel cinema dove predilige produrre e dirigere documentari. Sarà proprio durante la riprese del documentario “Le vent des amourex”, in Iran, che perirà a causa dell’incidente in cui verrà coinvolto l’elicottero su cui viaggiava.

La sua opera più famosa, oltre all’immortale gioco da tavolo, è senza dubbio il cortometraggio “Il palloncino rosso” che nel 1956, anno in cui fu presentato, vinse numerosi premi in tutto il mondo fra cui la Palma d’Oro a Cannes e l’Oscar come migliore sceneggiatura.

Il piccolo Pascal (Pascal Lamorisse) mentre va a scuola, una mattina, trova annodato su un lampione un bel palloncino rosso. Senza pensarci due volte lo slaccia e se lo porta dietro ma, non potendoci salire sull’autobus, è costretto a correre a scuola a piedi dove arriva naturalmente in ritardo. Prima di entrare in classe però lascia il palloncino al custode.

All’uscita Pascal può finalmente tornare a passeggiare col suo nuovo compagno, ma a casa la madre non ne vuole sapere e lo butta fuori dalla finestra. Ma il palloncino invece di volare via aspetta paziente davanti alla finestra finché Pascal, felice di vederlo, lo fa entrare. Inizia così un rapporto di profonda e speciale amicizia fra i due, rapporto che purtroppo non è compreso dagli adulti – il bambino e il suo palloncino verranno cacciati anche da una chiesa – e che alla fine susciterà l’invida e la rabbia dei coetanei di Pascal, che inizieranno a dargli la caccia per farlo scoppiare…

Interamente girato nelle strade e nei vicoli di Ménlimontant, un quartiere di Parigi, “Il palloncino rosso” racchiude 34 minuti di vera poesia cinematografica dedicata ai bambini, e non solo per loro, con una scena finale struggente e indimenticabile, che anticipa molti dei tempi e delle ambientazioni che racconterà qualche anno dopo il grande Francois Truffaut.

Nel corso dei decenni sono stati numerosi gli accenni e la citazioni di questo capolavoro – nonché libri tratti dalla sceneggiatura del film – arrivando a “Il palloncino bianco” di Abbas Kiarostami del 1995 e, naturalmente, “Up” diretto da Pete Docter e Bob Peterson nel 2009 che idealmente ci racconta la terza età vissuta dal piccolo Pascal “divenuto” l’anziano signor Fredricksen.

Da vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.