“Quarto potere” di Orson Welles

Quarto potere Cop 2

(USA, 1941)

Ispirato alla vita al magnate dell’informazione William Randolph Hearst – e nonostante l’età – “Quarto potere” è un film che va visto e rivisto periodicamente.

L’ascesa e la caduta politica e sociale di Charles Foster Kane sono fra le migliori fotografie del secolo breve. E come capita spesso per i capolavori che anticipano i tempi, la pellicola d’esordio di Orson Welles fu un clamoroso flop al botteghino, e le ire che suscitò a Hollywood – soprattutto quelle dello stesso Hearst – segnarono per sempre la sua carriera cinematografica.

Tanto per chiarire, il nome Rosebud (in italiano Rosabella) che nel film è la slitta con cui giocava da bambino il protagonista – elemento chiave nella narrazione -, nella realtà dei fatti era l’appellativo con cui Hearst chiamava le parti intime della sua amante.

Per comprendere meglio Welles e il suo capolavoro consiglio di vedere il film per la tv  “RKO 281 – La vera storia di Quarto potere” (1999) di Benjamin Ross, che ricostruisce dettagliatamente la sua genesi.

Non è un caso, quindi, che il film che oggi è nelle sale e che ripercorre le vicende di Julian Assange si intitoli “Il quinto potere”.

1 pensiero su ““Quarto potere” di Orson Welles

  1. Pingback: “L’ultima minaccia” di Richard Brooks | Valerio Tagliaferri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.