“Le vie del signore sono finite” di Massimo Troisi

Le vie del signore sono finite Loc

(Italia, 1987)

Scritto da Massimo Troisi e dalla sua partner lavorativa e, per un periodo anche di vita Anna Pavignano, “Le vie del signore sono finite” ci riporta nel ventennio (epoca storica negli anni Ottanta poco rivisitata, se non da Tinto Brass) e ci racconta la storia di Camillo, un barbiere di Acqualsalubre – un piccola e irreale località termale del sud Italia – inventore di pozioni per capelli e dermatiti, ma afflitto da una grave quanto misteriosa malattia psicosomatica che lo costringe ciclicamente su una sedia a rotelle. Come sempre, nei film di Troisi, l’intimo e il personale hanno un ruolo focale nella vicenda dei protagonisti, e così Camillo per affrontare la sua malattia dovrà affrontare se stesso e soprattutto i suoi sentimenti. Davvero un gran bel film, che ci ricorda che perdita abbia subito il nostro cinema e la nostra cultura in generale con la morte prematura del suo regista. Nel cast appaiono anche Massimo Bonetti e Marco Messeri (davvero bravo nel ruolo del fratello morboso di Camillo), amici intimi di Troisi anche nella vita reale. Il film vince meritatamente il Nastro d’Argento per ma migliore sceneggiatura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.