La magia immortale di Gabriel Garcia Marquez

GG Marquez

Ieri si è spento il grande Gabriel Garcia Marquez.

Sono ore ormai che tutte le testate del mondo ne ripercorrono la vita, la carriera giornalistica e soprattutto le opere letterarie.

Ci sono giornalisti molto chic che per farlo hanno redatto un simpatico riassuntino  – usando vocaboli e atmosfere ricercate da spot pubblicitario – di “Cent’anni di solitudine”, “Cronaca di una morte annunciata” o “L’amore ai tempi del colera”, tanto per dimostrare che loro Marquez lo hanno letto (…forse).

Ma l’opera immortale e la figura di Marquez certo non possono essere sfiorate da tanta superficialità.

In questo triste giorno solo una cosa ci può “salvare”: leggere e/o rileggere le sue opere.

Io parto senza esitazione da “Cent’anni di solitudine”: le emozioni che provai la prima volta che lo lessi ancora mi accompagnano tutte le volte che ripenso a Remedios la bella o alla suo incipit che, ha ammesso Marquez in varie interviste, è stata la più difficile da scrivere.  

E soprattutto non vedo l’ora essere nuovamente sedotto dall’ironia, dall’amore e dalla magia che sprizzano da ogni sua pagina.

Buon viaggio e grazie di tutti i sogni G.G. Marquez, ovunque tu sia diretto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.