ANCHE QUANDO TUTTO SEMBRA PERDUTO I VERI DETECTIVE NON MOLLANO MAI…

Guarda il Booktrailer

Un breve ma intenso giallo che si tinge di rosso e si conclude col blu. Un moderno Sherlock nostrano, dal fine intuito e dalla pessima inclinazione per le relazioni umane, che si ritrova al centro di alcuni feroci ed efferati delitti mentre è in tutt’altre faccende affaccendato.

Acquista l’ebook di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

Acquista l’edizione cartacea di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

“Marzolino Tarantola – La grande corsa” di Bonvì

(Mondadori, 2016)

Il programma di cartoni animati “Supergulp!” (cosi come “Crash Bang Gulp!” prima, “Giumbolo” e “Giumbolando” poi) ha influenzato in maniera profonda le generazioni – compresa la mia – che hanno avuto la fortuna di poterlo vivere e vedere in televisione. Soprattutto fra il 1978 e il 1981 (con l’avvento definitivo del colore in tv) i fumetti che apparivano settimanalmente hanno inciso un lungo solco nell’immaginario dei giovani spettatori. Fra quelli stranieri e quelli italiani, sono apparse figure mitiche e indimenticabili. E proprio di una di queste, creata dal genio dell’immortale Bonvi (Franco Bonvicini) voglio parlare oggi.

Si tratta di una serie creata soprattutto per riempire il palinsesto del programma e di cui Bonvi ha scritto solo due storie complete: “Marzolino Tarantola”. Ispirato al “Saturnino Farandola” di Albert Rabida (e dal quale la Rai fece uno sceneggiato per ragazzi che proprio in quegli anni riscosse un notevole successo e di cui ho parlato qualche tempo fa) “Marzolino Tarantola” prende spunto anche da altri grandi strisce create dal suo autore (come “Sturmtruppen” e “Nick Carter”) oltre che al cinema più classico d’avventura come “La grande corsa” diretto da Blake Edwards nel 1965.

E proprio “Marzolino Tarantola – La grande corsa” è l’unica storia completa pubblicata.  

Marzolino Tarantola è un facoltoso amante dell’avventura e, insieme al suo maggiordomo Alfred e a Enrico (molto somigliante al Patsy di Nick Carter) che con la sua forza bruta fa da solo tutto quello che farebbe un equipaggio di una dozzina di uomini, accetta di partecipare alla gara automobilistica intercontinentale che ha il suo traguardo a Parigi. Ma a ostacolare slealmente Tarantola c’è il perfido professor Moriatry (e non Moriarty! Allora Sherlock Holmes era ancora sotto diritti…) e il suo assistente poco lucido Perfidio…

Un’avventura che ci ricorda quanto grande e importante è la storia dei nostri fumetti che troppo spesso è ingiustamente oscurata da quelli stranieri.   

UN FINE INTUITO PUO’ NASCONDERSI SOTTO OGNI TIPO DI PETTINATURA

Guarda il Booktrailer

Un breve ma intenso giallo che si tinge di rosso e si conclude col blu. Un moderno Sherlock nostrano, dal fine intuito e dalla pessima inclinazione per le relazioni umane, che si ritrova al centro di alcuni feroci ed efferati delitti mentre è in tutt’altre faccende affaccendato.

Acquista l’ebook di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

Acquista l’edizione cartacea di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

“F.B.I. Francesco Bertolazzi Investigatore” di Ugo Tognazzi

(Italia, 1970)

A partire dagli anni Sessanta numerosi grandi attori del cinema hanno iniziato a prestarsi alla neonata televisione oltre che come attori anche come autori. In quegli anni molti lo facevano mostrando palesemente il loro sdegno per un mezzo così poco nobile rispetto al teatro o al grande schermo. Ma l’immortale Tognazzi no. Il suo geniale senso artistico lo aveva fatto essere uno dei veri pionieri del divertimento del nostro piccolo schermo con il varietà memorabile “Un, due e tre” assieme a Raimondo Vianello.

Alla fine degli anni Sessanta però Tognazzi non è più solo un’icona della risata, ma è uno dei grandi interpreti del cinema di qualità. E torna in televisione con una serie che si ispira alla grande commedia al’italiana, e che lui stesso dirigere. A scrivere i soggetti e le sceneggiature ci sono i maestri Age & Scarpelli che confezionano sei puntate.

Il genere è quello della commedia appunto, ma una commedia tinta di giallo, visto che di mestiere il protagonista Francesco Bertolazzi fa l’investigatore privato e gioca sulle sue iniziali per farsi pubblicità. La sua è una ditta a conduzione familiare, ma che punta a una clientela distina e soprattuto abbiente.

Nella prima puntata, “Sparita il giorno delle nozze”, a interpretare un’antipatico antiquario che ama viaggiare su una delle automobili appartenute a Mussolini c’è Marco Ferreri, amico personale di Tognazzi, nonché grande regista e autore di pellicole straordinarie interpretate dallo stesso grande artista cremonese.

Al momento questa deliziosa serie prodotta dalla nostra televisione nazionale è praticamente introvabile. Solo qualche brano è visibile su Youtube. …Sob.

NON ESISTONO METODI ORTODOSSI …PER INDAGARE

Guarda il Booktrailer

Un breve ma intenso giallo che si tinge di rosso e si conclude col blu. Un moderno Sherlock nostrano, dal fine intuito e dalla pessima inclinazione per le relazioni umane, che si ritrova al centro di alcuni feroci ed efferati delitti mentre è in tutt’altre faccende affaccendato.

Acquista l’ebook di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

Acquista l’edizione cartacea di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

“Kronos – Il conquistatore dell’universo” di Kurt Neumann

(USA, 1957)

Qui parliamo di uno dei più classici B-movie degli anni Cinquanta che è diventato un vero e proprio classico.

L’idea originale del film è di Irving Block (lo stesso autore del soggetto dello splendido “Il pianeta proibito”) docente di arte all’Università della California e affermato pittore che, dopo aver dipinto i suoi quadri ne traeva idee per film insieme ad alcuni amici e collaboratori come Lawrence L. Goldman, che scrive la sceneggiatura di questa pellicola. Nella versione originale Goldman non appare perché alla fine degli anni Cinquanta era una delle numerose vittime del maccartismo.

Nell’osservatorio del “Lab. Center” gli scienziati Leslie Gaskell (Jeff Morrow), Vera Hunter (Barbara Lawrence) e Arnold Culver (George O’Hanlon) scrutando il cosmo scoprono uno strano asteroide che vira dirigendosi verso la Terra. Intanto, un ufo è atterrato nel deserto prendendo possesso del corpo di un innocente passante. L’entità aliena si dirige nel “Lab. Center” e prende possesso del corpo del Dott. Eliot (John Emery) responsabile dell’osservatorio.

La strana traiettoria dell’asteroide preoccupa Gaskell che obbliga Eliot a far intervenire le Forze Armate. Ma le armi non fermano l’ufo che atterra nel Pacifico a poche miglia dalle coste messicane. Gaskell, Hunter e Culver si recano sul posto e poche ore dopo un gigante di un materiale più forte dell’acciaio sbarca sulla costa. L’extraterrestre è un accumulatore di energia venuto sul nostro pianeta per risucchiare tutte le nostre risorse…

Gli effetti speciali di questa pellicola, nonostante il budget a basso costo, sono strabilianti e spettacolari, e a classiche immagini di repertorio con minacciosi funghi atomici seguono alcune sequenze a cartoni animate davvero speciali e spettacolari.

Da ricordare anche perché il film anticipa il tema dell’ambietalismo (purtroppo così attuale) e dello sfruttamento massiccio delle risorse naturali.

Un vero gioiello in bianco e nero.

Per la chica: “Kronos” è la password fondamentale ne “Gli incredibli – Una normale famiglia di supereroi” di Brad Bird e prodotto dalla Pixar.

RICAMI E PASSAMANERIE A VOLTE NON BASTANO…

Guarda il Booktrailer

Un breve ma intenso giallo che si tinge di rosso e si conclude col blu. Un moderno Sherlock nostrano, dal fine intuito e dalla pessima inclinazione per le relazioni umane, che si ritrova al centro di alcuni feroci ed efferati delitti mentre è in tutt’altre faccende affaccendato.

Acquista l’ebook di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

Acquista l’edizione cartacea di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

C’E’ SEMPRE QUEL PICCOLO PARTICOLARE CHE TI SFUGGE…

Guarda il Booktrailer

Un breve ma intenso giallo che si tinge di rosso e si conclude col blu. Un moderno Sherlock nostrano, dal fine intuito e dalla pessima inclinazione per le relazioni umane, che si ritrova al centro di alcuni feroci ed efferati delitti mentre è in tutt’altre faccende affaccendato.

Acquista l’ebook di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

Acquista l’edizione cartacea di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

“Indiana Jones e l’ultima crociata” di Steven Spielberg

(USA, 1988)

Come già scritto parlando de “I predatori dell’arca perduta”, questo “Indiana Jones e l’ultima crociata” è l’unico sequel davvero straordinario della serie dedicata all’archeologo più famoso del cinema.

Scritto da George Lucas insieme all’olandese Menno Meyjes (candidato all’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale de “Il colore viola” di Spielberg) questo film consacra definitivamente il mito del professor Henry Jones Jr.. E chi, se non il professor Henry Jones Senior, poteva farlo?

Interpretato magistralmente da Sean Connery (il primo grande 007, personaggio al quale gli stessi Spielberg e Lucas si ispirarono per scrivere “I predatori dell’arca perduta”) che incarna splendidamente il classico “topo di biblioteca” incapace e inadatto a qualsiasi tipo di azione, la vera e propria antitesi del figlio.

Ma non solo, nelle prime scene del film incontriamo il giovane Indiana Jones (interpretato da River Phoenix) nel momento in cui inizia a usare la frusta – che gli causa la cicatrice al mento che lo stesso Ford ha davvero nella vita reale – e soprattutto indossa per la prima volta il suo famoso cappello.

E nella scena finale conosciamo finalmente la storia del suo strano nome. Il tutto mentre siamo sulle tracce di una delle leggende e dei miti più famosi della civiltà umana: il Santo Graal.

Con sequenze mozzafiato, scene ed effetti speciali che ancora fanno colpo, la terza avventura di Indiana Jones è fra i migliori film d’azione mai realizzati, grazie anche alla profonda ironia che permea ogni scena, soprattutto quelle che mostrano il rapporto complicato e al tempo stesso spassoso fra padre e figlio Jones.

E pensare che all’anagrafe Sean Connery e Harrison Ford hanno meno di dodici anni di differenza. Potere del cinema e dei grandi attori…

OGNI DETECTIVE HA IL SUO STILE

Guarda il Booktrailer

Un breve ma intenso giallo che si tinge di rosso e si conclude col blu. Un moderno Sherlock nostrano, dal fine intuito e dalla pessima inclinazione per le relazioni umane, che si ritrova al centro di alcuni feroci ed efferati delitti mentre è in tutt’altre faccende affaccendato.

Acquista l’ebook di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO

Acquista l’edizione cartacea di UN PROFILO DA FAVOLA. LA PRIMA INCHIESTA NOTTURNA DELL’INCONSAPEVOLE DI TUCCIO